Come gestire la transizione energetica

Home / Come gestire la transizione energetica
Che cosa sono i pannelli fotovoltaici amorfi - ovierasolar

Che cosa sono i pannelli fotovoltaici amorfi - ovierasolarL’emergenza climatica sempre più profonda sottolinea l’urgente necessità per i politici di tutto il mondo di supervisionare una rapida transizione dai combustibili fossili. Il modo in cui i paesi lo stanno facendo, però, è molto vario.

Ad oggi è noto che la combustione di fonti di energia come il carbone, il petrolio e il gas, è il principale motore della crisi climatica. Eppure, mentre i politici e i leader economici sbandierano abitualmente il loro impegno per la transizione energetica, la dipendenza dai combustibili fossili nel mondo rimane sulla buona strada per approfondirsi ulteriormente.

Il Patto per il Clima di Glasgow, un accordo raggiunto al summit COP26 all’inizio di questo mese, ha segnato la prima volta in assoluto che un accordo internazionale sul clima menziona esplicitamente i combustibili fossili. L’accordo finale ha chiesto ai paesi di “ridurre gradualmente” l’uso del carbone e i sussidi “inefficienti” ai combustibili fossili. Questo linguaggio ha fatto poco per ispirare fiducia, tuttavia, in particolare sulla scia della ricerca che suggerisce che la stragrande maggioranza dei combustibili fossili deve essere mantenuta nel terreno se il mondo vuole avere qualche speranza di prevenire impatti climatici progressivamente peggiori e potenzialmente irreversibili.

L’ONU ha detto che l’uso globale dei combustibili fossili è “pericolosamente fuori sincrono” con gli obiettivi climatici e gli attivisti hanno spinto i governi a smantellare l’economia dei combustibili fossili.

Ma come cambiare lo scenario e gestire una corretta transizione.

In primo luogo, per una giusta transizione è necessario che i politici riconoscessero esplicitamente che la stessa deve avvenire. Insomma, considerato che dobbiamo abbandonare i combustibili fossili, una giusta transizione per i paesi che dipendono dai combustibili fossili inizia con il riconoscimento che dobbiamo farlo, per poi impegnare le risorse utili per aiutare l’economia e i lavoratori a passare ad alternative sostenibili.

In secondo luogo, bisogna scegliere verso cosa migrare. Oggi il solare e l’eolico sono visti come la fonte più economica di nuova energia per più di due terzi della popolazione mondiale ora e in rapida accelerazione. Sono sempre più economici delle nuove centrali a carbone e a gas, ma sono anche più economici dei combustibili fossili nelle infrastrutture esistenti. Non solo: si tratta di risorse scalabili, con impianti distribuibili su scala molto piccola, anche in aree remote, dove non è necessario aspettare l’arrivo della rete.

Quindi, bisognerà garantire che lo stoccaggio del sistema energetico non diminuisca nella transizione. Infine, bisognerà anche garantire che il lungo percorso verso la transizione sia ben supportato dall’adeguato mix di risorse, considerato che un completo abbandono dei combustibili fossili richiede molto tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi