Israele verso la quarta dose del vaccino Covid-19

Home / Israele verso la quarta dose del vaccino Covid-19
ovierasolar

ovierasolarUn ospedale israeliano ha somministrato la quarta dose di vaccino Covid-19 lunedì a un gruppo di persone oggetto di test, con il Paese che considera di approvare la misura per le popolazioni vulnerabili nel tentativo di superare l’aumento delle infezioni alimentate dalla variante Omicron.

Lo studio dello Sheba Medical Centre di Ramat Gan, Tel Aviv, “si concentrerà sull’efficacia del vaccino nel produrre anticorpi e sulla sicurezza, al fine di accertare se un quarto vaccino è necessario in generale“, ha detto un portavoce. I 150 soggetti sono tutti personale medico.

Un gruppo di esperti del Ministero della Salute la scorsa settimana ha raccomandato che Israele diventi il primo paese ad offrire una quarta dose di vaccino – o secondo richiamo – a chi ha più di 60 anni, a chi soffre di un sistema immunitario compromesso e ai lavoratori medici. La proposta è stata accolta con favore dal governo israeliano, che ha lottato contro un plateau di affluenza ai vaccini.

Tuttavia, la quarta dose attende l’approvazione finale del direttore generale del ministero, Nachman Ash, un medico la cui decisione, dicono i funzionari, sarà presa senza l’intervento del governo. Data la preoccupazione per la mancanza di dati sui test, Ash potrebbe modificare i criteri di ammissibilità alzando la soglia di età a 70 anni e togliendo i lavoratori medici dalla lista, hanno detto i media israeliani. Il ministero della Sanità non ha confermato né negato questa indiscrezione, né ha detto quando la decisione di Ash è prevista.

Circa il 63% dei 9,4 milioni di abitanti di Israele ha ricevuto le prime due dosi di vaccino, secondo i dati del ministero. Quasi il 45% ha ricevuto anche una terza dose, o dose di richiamo. Quasi

Israele è stato il Paese più veloce a lanciare i vaccini iniziali un anno fa, ed è diventato uno dei primi a osservare che l’immunità è diminuita nel tempo, rispondendo con un programma di richiamo diffuso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi