I vantaggi di fare la colazione presto la mattina

Home / I vantaggi di fare la colazione presto la mattina
potatoes-with-vegetables-2911156__340

potatoes-with-vegetables-2911156__340Le persone che iniziano a mangiare prima delle 8:30 del mattino hanno livelli di zucchero nel sangue più bassi e meno resistenza all’insulina, il che potrebbe ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, secondo uno studio presentato virtualmente a ENDO 2021, il meeting annuale della Endocrine Society che apre nuove interessanti riflessioni sui benefici di consumare il primo pasto piuttosto presto durante la mattina.

Chi mangia prima fa meglio?

Abbiamo scoperto che le persone che hanno iniziato a mangiare prima nel corso della giornata avevano livelli di zucchero nel sangue più bassi e meno resistenza all’insulina, indipendentemente dal fatto che limitassero la loro assunzione di cibo a meno di 10 ore al giorno o che la loro assunzione di cibo fosse distribuita su più di 13 ore al giorno“, ha in particolar modo affermato il ricercatore principale Marriam Ali, M.D., della Northwestern University di Chicago, Ill.

Ricordiamo che la resistenza all’insulina si verifica quando il corpo non risponde bene all’insulina che il pancreas sta producendo e il glucosio è meno in grado di entrare nelle cellule. Le persone con resistenza all’insulina possono essere a più alto rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Sia la resistenza all’insulina che gli alti livelli di zucchero nel sangue influenzano il metabolismo di una persona, la scomposizione del cibo nei suoi componenti più semplici: proteine, carboidrati (o zuccheri) e grassi. I disturbi metabolici come il diabete si verificano quando questi processi normali vengono interrotti.

“Con un aumento dei disturbi metabolici come il diabete, abbiamo voluto espandere la nostra comprensione delle strategie nutrizionali per aiutare ad affrontare questa crescente preoccupazione”, ha quindi dichiarato Ali. Studi precedenti hanno trovato che il mangiare limitato nel tempo, che consolida il mangiare in un lasso di tempo ridotto ogni giorno, ha dimostrato costantemente il miglioramento della salute metabolica, ha notato inoltre il medico, il cui team ha dunque voluto vedere se mangiare prima nel giorno ha influenzato le misure metaboliche.

Lo studio

Per scoprirlo, i ricercatori hanno analizzato i dati di 10.575 adulti che hanno partecipato al National Health and Nutrition Examination Survey. Hanno quindi suddiviso i partecipanti in tre gruppi a seconda della durata totale dell’assunzione di cibo: meno di 10 ore, 10-13 ore e più di 13 ore al giorno. Hanno poi creato sei sottogruppi basati sull’ora di inizio della durata del pasto (prima o dopo le 8:30 del mattino).

A questo punto, i ricercatori hanno analizzato questi dati per determinare se la durata e la tempistica dell’alimentazione erano associate ai livelli di zucchero nel sangue a digiuno e alla resistenza all’insulina stimata. I livelli di zucchero nel sangue a digiuno non differivano significativamente tra i gruppi di intervalli alimentari. La resistenza all’insulina era più alta con una durata dell’intervallo alimentare più breve, ma più bassa in tutti i gruppi con un orario di inizio del pasto prima delle 8:30 del mattino.

Questi risultati suggeriscono che la tempistica è più fortemente associata alle misure metaboliche rispetto alla durata, e supportano le strategie alimentari precoci“, ha infine affermato Ali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi