Come superare pigrizia e perdite di tempo

Home / Come superare pigrizia e perdite di tempo
finance-4858797_1920 (3)

finance-4858797_1920 (3)Per superare la pigrizia, la procrastinazione e le perdite di tempo, ci sono una serie di cose che puoi attivamente fare per migliorare la produttività. Scopriamole insieme!

Trovare un mentore

Cercate qualcuno che abbia già superato le proprie difficoltà con la procrastinazione. Può aiutarvi nel processo e darvi un senso di sostegno che vi permetterà di sentire che potete raggiungere il vostro obiettivo, soprattutto quando vi trovate a lottare per farlo.

Ci saranno sempre giorni in cui sentirete che i vostri passi e il vostro obiettivo siano più facili di altri. Nei giorni difficili, avrete bisogno di qualcuno, o più persone, al vostro fianco per darvi il sostegno necessario per andare avanti. Il vostro mentore sarà la persona principale e non vi permetterà mai di arrendervi. Lavorerà con voi per superare le difficoltà e vi aiuterà a rivalutare i vostri obiettivi, se necessario.

Non complicare troppo le cose

È facile pensare troppo e rendere le situazioni più complicate di quanto non siano, soprattutto quando si cerca di raggiungere degli obiettivi. Potreste pensare di non poter iniziare un certo giorno perché non è il momento giusto. Potreste continuare a rimandare il vostro obiettivo perché non sentite di avere la mentalità giusta per iniziare a concentrarvi sui vostri obiettivi. Tutti i problemi e le scuse che utilizzate per giustificare il rinvio del vostro obiettivo rendono tutto più complicato.

Facciamo un esempio. Un uomo di nome Carlo voleva concentrarsi per mesi sull’obiettivo di alzarsi alle 6 del mattino, perché questo gli permetteva di avere due ore di relax al mattino prima del lavoro. Il problema era che Carlo continuava a rilassarsi a letto fino ad accorgersi che erano le 7.30 del mattino e che stava per arrivare in ritardo al lavoro.

Una volta che Carlo ha iniziato a lavorare da casa, ha continuato con le stesse abitudini fino a quasi le 8 del mattino o più tardi. Questo ha causato problemi perché Roger aveva meno energie per concentrarsi sul lavoro perché dormiva fino a tardi. Si ritrovava a lavorare lentamente o a distrarsi facilmente fino all’una del pomeriggio. A quel punto iniziava a rimproverarsi di non aver lavorato prima al suo progetto. Le emozioni di Carlo nei confronti di se stesso hanno creato ulteriori complicazioni per la sua mentalità, facendogli fare più fatica a rispettare i suoi programmi.

Potreste complicare eccessivamente le cose quando sentite che la situazione deve essere perfetta. Non solo dovete iniziare a una certa ora, ma dovete anche conoscere un certo numero di informazioni, la vostra area di lavoro deve essere perfetta e dovete lavorare senza commettere errori. Quando ciò accade, si permette al perfezionismo di prendere il controllo. Bisogna sempre ricordare che nulla è perfetto. Bisogna fare il miglior lavoro possibile, imparare dai propri errori e andare avanti. Quando ci si rende conto di ciò che si può controllare e di ciò che non si può controllare, si inizia a concentrarsi su ciò che si può controllare e le situazioni diventano meno complicate. Questo aiuta anche la vostra mentalità, perché è meno probabile che vi sentiate frustrati dai vostri errori.

Suddividere il lavoro in piccole fasi

La difficoltà che le persone incontrano quando si tratta di obiettivi è quella di considerarli come un’unica grande sfida. Per questo è importante suddividere gli obiettivi in piccoli passi. Si vuole intraprendere la stessa azione quando ci si concentra sul lavoro che si ritiene troppo scoraggiante, anche se si tratta dell’intera giornata lavorativa.

Carlo sapeva che avviare la sua attività di scrittura ed editing e lavorare da casa significava che non avrebbe avuto il tipico lavoro d’ufficio dalle 9 alle 5. Alcuni giorni avrebbe lavorato 12 o più ore, altri otto o meno. Carlo capiva anche che poteva capitare di lavorare durante il fine settimana e di non prendersi un giorno di riposo per settimane. Era pronto ad accettare questo orario. Tuttavia, una volta iniziato a lavorare da casa, ha iniziato a sentirsi sopraffatto e si è ritrovato a procrastinare come non mai.

Oltre a creare un programma e a limitare le distrazioni, il mentore di Carlo gli ha detto di suddividere la giornata lavorativa in piccoli passi, proprio come fa con i suoi obiettivi. All’inizio Carlo non era sicuro di come affrontare questo compito. Non riusciva a capire come suddividere la sua giornata lavorativa, visto che avrebbe scritto e modificato tutto il giorno. È stato allora che il suo mentore è intervenuto per aiutarlo. Per prima cosa, Carlo doveva scrivere tutto ciò che faceva in un giorno.

Scrisse:

  • Controllare la posta elettronica e i messaggi sul cellulare
  • Effettuare le attività di ricerca
  • Scrivere
  • Revisionare
  • Cercare altri lavori una volta completato un progetto

Per aiutare Carlo a sviluppare un elenco completo, il suo mentore gli ha chiesto come gestisce i suoi progetti. Carlo dice che si permette di avere solo quattro o cinque progetti alla volta, perché sa che può lavorare ogni giorno per un’ora e mezza o due ore su ogni progetto. Pertanto, il mentore di Carlo gli ha detto di includere ogni progetto nelle sue fasi. Carlo creò dunque un nuovo elenco che assomigliava al seguente:

  • Controllare la posta elettronica e i messaggi
  • Lavorare al primo progetto dalle 8:00 alle 10:30
  • Lavorare al progetto 2 dalle 10:30 alle 11:55
  • Lavorare al progetto tre dalle 12.55 alle 14.30
  • Lavorare al progetto quattro dalle 14:30 alle 16:00
  • Se ho un progetto cinque, lavoro su quello dalle 16:00 alle 17:30
  • Se non ho un quinto progetto, lavoro sul progetto che deve essere consegnato per primo
  • Finire la giornata tra le 17.30 e le 18.00.

Una volta che la giornata di Carlo è stata suddivisa in fasi, ha potuto concentrarsi su una fase alla volta. Questo ha aiutato Carlo a sentirsi più a suo agio nella gestione dei progetti e lo ha motivato maggiormente a portare a termine i suoi compiti. Carlo ha scoperto che quando lavorava su un progetto alla volta, si annoiava con il progetto. Nel pomeriggio si distraeva di più, perché sentiva il bisogno di una pausa dal progetto, ma sapeva di doverlo continuare. Se faceva una pausa, di solito la faceva lunga, perché era difficile motivarlo a tornare alla scrivania. Lavorando su quattro o cinque progetti al giorno, Carlo sa che sta facendo progressi su ogni progetto ogni giorno e non si distrae facilmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi