Come gestire il dolore e la sofferenza

Home / Come gestire il dolore e la sofferenza
oviera

ovieraC’è un detto che dice qualcosa del genere: “Il dolore nella vita è inevitabile, ma la sofferenza è opzionale“, e dunque si può guardare alla sofferenza come a ciò che accade quando rifiutiamo di accettare il dolore nella nostra vita.

In altre parole, non possiamo evitare il dolore nella vita: i tuoi sentimenti non vengono ricambiati; non ti viene chiesto di andare in un locale dalla persona amata (o la persona a cui lo chiedi dice di no); sei bocciato all’esame di guida; non entri nell’Università che desideri; perdi un’amicizia molto importante. Tutte queste cose causeranno dolore.

La sofferenza arriva quando si rifiuta di accettare una situazione così com’è – quando si combatte la realtà, come abbiamo visto prima. La sofferenza è il dolore aggiuntivo che sorge quando ti blocchi nel giudicare la situazione, e questo dolore aggiuntivo rende più difficile affrontare la situazione e continuare a funzionare come fareste normalmente.

Spesso si traduce in quei comportamenti malsani in cui si può avere la tendenza a cadere, mentre si cerca di fuggire dormendo, giocando, usando droghe o alcol, e così via. Guardiamo un esempio per aiutarvi a capire questa idea.

Facciamo un esempio immaginando la storia di due persone: Carla e Roberta.

Carla era la migliore amica di Roberta fin dall’inizio della prima elementare. Vivevano proprio in fondo alla strada l’uno dell’altro, quindi andavano a scuola a piedi insieme e giocavano insieme nei fine settimana. Durante l’estate, le loro famiglie passavano anche del tempo insieme. Quando le due amiche iniziarono il liceo, però, Roberta incontrò nuove persone e le cose cominciarono a cambiare.

Roberta smise di tornare a casa a piedi da scuola con Carla e iniziò invece a farsi accompagnare da alcuni dei suoi nuovi amici, senza mai chiedere se Carla potesse unirsi a loro. Gradualmente, Carla si rese conto che Roberta non rispondeva sempre alle sue chiamate o ai suoi messaggi, e doveva cercarla a scuola. Inoltre, quando la trovava, non sembrava voler parlare molto o passare del tempo con lei. Infine, un giorno, quando Carla si è avvicinata a Roberta mentre lui era con i suoi nuovi amici, lui ha detto alcune cose davvero offensive, l’ha chiamata perdente e ha riso di lei con i suoi amici.

Carla, naturalmente, era molto ferita, ed era arrabbiata con Roberta per averla umiliata di fronte ai suoi amici. Non poteva credere che quella fosse la persona con cui era cresciuta. Tornò a casa presto quel giorno, andò dritta nella sua stanza e si sdraiò sul letto. Pensando alla situazione, l’esperienza di Carla è andata più o meno così: Non posso credere che si stia comportando così male. Cosa c’è di sbagliato in lei? Siamo stati amici per tanto tempo e non dovrebbe trattarmi in questo modo.

Avendo difficoltà ad affrontare il dolore, Carla inizia a pensare a modi in cui potrebbe intorpidirsi. I suoi genitori hanno un armadietto dei liquori ben fornito al piano di sotto; e, ricorda, le sono rimasti alcuni antidolorifici su prescrizione per averle tolto i denti del giudizio l’anno scorso.

Si può vedere dalla storia di Carla che, quando comincia a combattere la realtà, non solo prova dolore e rabbia, che chiunque proverebbe in una situazione come questa, ma comincia anche a soffrire. In altre parole, non prova solo il dolore e la rabbia iniziali, ma man mano che combatte la situazione, queste emozioni si intensificano e se ne aggiungono altre, come il risentimento, l’amarezza e la paura. Il dolore è inevitabile; la sofferenza è opzionale. La sofferenza è ciò che la rende più difficile da sopportare, e ciò che spesso finisce per portare a scelte malsane.

Puoi relazionarti con l’esperienza di Carla? Sei in grado di riconoscere le volte nella tua vita in cui non accettare una situazione dolorosa ti ha portato a soffrire? Pensa a una situazione che ti sta accadendo ora, o che è accaduta abbastanza di recente. Non deve essere una grande situazione.

Questo tipo di situazioni possono presentarsi quotidianamente su scala minore; per esempio, una lite con un amico, un commento offensivo fatto da qualcuno o un voto che ti ha deluso. Ricordando che il dolore è inevitabile, pensa a come hai vissuto il “dolore” di questa situazione, e poi pensa a come hai vissuto la “sofferenza” di questa situazione. Potrebbe essere d’aiuto pensarci in questo modo: la tua prima reazione alla situazione è di solito il dolore. Hai litigato con la tua amica e ti senti arrabbiato con lei; ti senti ferito per il commento offensivo; o ti senti deluso per il voto che hai preso.

La sofferenza tende ad arrivare quando hai avuto più tempo per pensare (giudicare!) la situazione. Hai litigato con la tua amica e cominci a giudicarla, così ora senti non solo la rabbia iniziale ma anche risentimento e amarezza; giudichi la persona che ti ha ferito, così ora ti senti non solo ferito ma anche arrabbiato; o giudichi te stesso per il voto che hai preso, così ora ti senti non solo deluso ma anche imbarazzato.

Una volta che hai afferrato l’idea del dolore rispetto alla sofferenza, pensa a come appare la sofferenza per te. Quali azioni intraprendi per sentirti meglio quando sembra che tu non possa più tollerare la sofferenza? Per molte persone, la sofferenza porta ad azioni malsane, molto simili a quelle che Carla stava iniziando a considerare, forse rivolgendosi a droghe o alcol per intorpidirsi. Alcune persone sfogano i loro sentimenti facendo i capricci; altre si rivolgono a comportamenti autolesionisti o a tentativi di suicidio. Altri ancora si bloccano nell’autocommiserazione e smettono di cercare di migliorare la loro situazione.

Prenditi qualche momento per pensare a come sia la tua esperienza di sofferenza: ti impegni in comportamenti che migliorano la tua situazione o fate cose che la peggiorano?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi