Quanto è importante leggere per la propria carriera

Home / Quanto è importante leggere per la propria carriera
office-1209640_1920

office-1209640_1920Tutti sappiamo leggere, scrivere, parlare e ascoltare. O no? In realtà, le cose sono un po’ più complesse quando si parla del luogo di lavoro. Leggere per svago è diverso dal leggere per lavoro. Leggendo nel tempo libero vogliamo infatti che la nostra testa si riempia di sorprese, divertimenti, passioni.

Leggendo in ambito business non vogliamo invece che la nostra testa si riempia a caso di ciò che lo scrittore scrive. Abbiamo bisogno di leggere con pregiudizio, di leggere con una nostra agenda in modo da non essere sviati dalla logica interna e dalla brillantezza del documento che abbiamo davanti. Insomma, leggere nel tempo libero significa lasciare che lo scrittore abbia il controllo e ci guidi. Leggere per la propria carriera significa invece che il lettore deve mantenere il controllo. Farsi guidare dallo scrittore è una ricetta per essere portati fuori strada.

Ora, per arrivare a una lettura efficace in questo ultimo senso, bisogna partire da una riflessione: qual è il tuo punto di vista sull’argomento trattato? Questo ti aiuterà ad evitare di essere catturato dalla sua logica interna. Con un punto di vista stabilito, sarai in grado di stupire i tuoi colleghi con prospettive a cui non avevano pensato, perché si erano lasciati prendere dalla logica interna del documento di fronte a loro.

Il secondo quesito è: quali argomenti ti aspetti che vengano trattati? Questo ti aiuterà a individuare l’invisibile: cose che sono state omesse. Puoi anche pensare a questo come “Quali domande vorrei fare e avere risposte”. Così facendo sarai in grado di apparire più brillante mentre individuerai l’invisibile: le lacune che gli scrittori speravano che non avresti notato.

Infine, domandati quali azioni vuoi ottenere con lo scrittore? Questo ti permetterà di creare un’agenda proattiva piuttosto che essere presi dall’agenda dello scrittore. Apparirai come un meraviglioso e saggio coach che è positivo, costruttivo e utile.  Queste domande possono essere applicate anche alle riunioni.

Con la pratica, diventerai molto bravo nell’analisi. Rischierai di sembrare perspicace e propositivo: ti sembrerà di avere sempre delle intuizioni, di individuare delle omissioni e di spingere all’azione. Si tratta di imparare a leggere: leggere con pregiudizio, con un’agenda e con preparazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi