Prezzi del rame, previsioni positive per il 2020

I prezzi del rame hanno chiuso il loro secondo mese consecutivo di guadagni, spinti in parte dalle speranze di una ripresa e da ulteriori stimoli fiscali e monetari da parte della Cina, il suo consumatore numero uno.

Sebbene le tensioni tra Stati Uniti e Cina per la pandemia del coronavirus e le nuove leggi sulla sicurezza di Hong Kong abbiano limitato i guadagni verso la fine del mese, il prezzo del rame al London Metal Exchange ha chiuso la giornata di trading di venerdì a 5.332,25 dollari per tonnellata. Il prezzo a pronti del metallo rosso ha chiuso il mese di maggio in ribasso di oltre il 13% per tutto l’anno, dopo essere sceso a 4.617,50$/t alla fine di marzo, quando la pandemia si è diffusa in tutto il mondo.

I prezzi del rame sono ampiamente visti come un barometro della fiducia nell’economia globale grazie alla sua ampia gamma di utilizzi finali, e venerdì gli analisti della Bank of America hanno aumentato le loro previsioni di prezzo del rame nel 2020 del 5,4% a 5.621 dollari/t, mantenendo invariata la proiezione del 2021 a 6.250 dollari/t.

Gli analisti del BofA metals hanno affermato che, sebbene la domanda è crollata a causa della pandemia di coronavirus, un rimbalzo dell’attività in Cina è stato un segno positivo per il rame.  “Il consumo globale di rame potrebbe contrarsi del 18% su base annua nel 2020, se il PIL globale (prodotto interno lordo) diminuisse del 4,2% su base annua, lo scenario di base dei nostri economisti”, ha detto BofA in una nota di venerdì. “Un calo degli acquisti in questo senso sarebbe devastante per il metallo rosso e anche per il più ampio complesso delle materie prime estratte”.

Tuttavia, si sono chiesti se il calo degli acquisti sia realistico e hanno suggerito che, mentre le economie occidentali potrebbero non rispecchiare completamente il rimbalzo registrato in Cina, l’allentamento delle misure di blocco faciliterebbe probabilmente un aumento degli acquisti di materie prime in tutto il mondo.

“Notiamo anche che l’attuale recessione è diversa dalle consuete flessioni di varie altre metriche: l’epicentro è nei servizi, non nel settore manifatturiero; i governi si stanno attrezzando per attuare notevoli pacchetti di stimolo fiscale, che si riflettono nell’iniziativa cinese NPC e nell’iniziativa europea Next Generation EU“, si legge nella nota.

In una conferenza stampa di venerdì, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato che gli Stati Uniti revocheranno lo status speciale di Hong Kong a causa del maggiore controllo della città da parte della Cina continentale. Tuttavia, i mercati hanno avuto un sollievo quando Trump non ha giurato di ritirarsi dall’accordo commerciale “fase uno” firmato da Washington e Pechino a gennaio.

L’ottimismo si è costruito intorno al potenziale di ulteriori stimoli cinesi dopo che il premier Li Keqiang ha detto la settimana scorsa al Congresso nazionale del popolo che Pechino ha più spazio fiscale per stimolare l’economia, se necessario.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi