Come affittare un attico

Home / Come affittare un attico
5 interior-3778708_1920

5 interior-3778708_1920Affittare un’abitazione è senz’altro un’ottima opportunità di avere una rendita mensile consistente. Al giorno d’oggi è possibile affittare una casa, un appartamento, un attico e qualsiasi abitazione perfettamente abitabile ad una o più persone. Tuttavia, è importante conoscere le regole che aiutano ad affrontare le pratiche burocratiche da svolgere per affittare un’abitazione.

Scegliere di affittare una casa richiede delle competenze ben precise e la conoscenza di diritti e doveri da entrambi le parti. Chi affitta una casa o un attico è definito contrattualmente “locatore” e deve garantire degli adempimenti ai futuri inquilini della casa che, a loro volta, dovranno rispettare le norme contrattuali pattuite.

Come affittare un attico: le basi

Qualora si decidesse di affittare un attico è necessario avere delle accortezze sin dall’inizio, dunque già in fase di promozione dell’attico immobiliare. Ciò significa che è premura del locatore di sistemare l’abitazione in modo impeccabile.

Chiunque vorrà visionare l’attico dovrà vedere un’abitazione in cui:

  • Le pareti sono rinfrescate e gli ambienti puliti;
  • Sono stati svolti tutti i lavori di manutenzione necessari;
  • Gli impianti sono a norma di legge;
  • Assicurati che gli impianti siano a norma di legge;
  • È presente una linea telefonica o linea internet;
  • L’immobile è libero da vizi ed ipoteche;
  • È presente l’attestazione di prestazione energetica relativo all’immobile.

Step necessari per affittare un attico

Cosa bisogna fare in pratica per affittare un attico e piazzarlo sul mercato immobiliare? Prima di tutto è fondamentale pubblicizzare l’immobile online e offline, preparando annunci ad hoc con fotografie di alta qualità, mostrando ambienti curati e adottando un tono di voce che possa raggiungere un pubblico ampio.

Online è possibile usufruire di numerosi portali immobiliari dove pubblicare degli annunci, tuttavia, è sempre consigliato richiedere l’aiuto di agenzie immobiliari che provvedono a sponsorizzare l’annuncio anche tra le richieste dei clienti in agenzia.

Come secondo step, è fondamentale selezionare i potenziali inquilini e richiedere alcuni requisiti come, ad esempio: gli inquilini devono essere studenti o lavoratori, non devono possedere animali domestici o possono possedere animali di piccola taglia, devono garantire il pagamento dell’affitto attraverso la presentazione di due buste paga prima del contratto e/o modello unico per un lavoratore autonomo e così via.

Anche la richiesta di eventuali referenze è molto importante, perché permette di chiedere informazioni riguardo all’affidabilità dell’individuo al precedente proprietario di casa o al datore di lavoro.

Infine, è fondamentale avviare i procedimenti burocratici stipulando un contratto di locazione.

Come stipulare un contratto di locazione

Un contratto di locazione deve adempiere a tutte le richieste previste dalla legge, dunque deve provvedere a:

  • Fornire l’A.P.E. dell’immobile;
  • Deve essere registrato presso l’Agenzia delle Entrate entro 30 giorni dalla data di sottoscrizione;
  • Deve prevedere il pagamento dei canoni mensili attraverso uno strumento tracciabile come il bonifico;
  • Deve prevedere una tassazione ordinaria o cedolare secca.

Un attico può essere affittato anche per periodi brevi, come weekend, settimane o un paio di mesi. In questo caso la tipologia di contratto cambia totalmente ed è sempre consigliato farsi aiutare da un professionista per stipulare un contratto specifico riguardo le locazioni brevi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi